Buon Natale e Felice Anno Nuovo

«Noi camminiamo a tastoni, ciechi, rasentando un muro: giacciamo come morti nelle tenebre; urliamo come orsi e gemiamo come colombe in attesa della salvezza».

Così parlava Isaia

Noi invece annunciamo una gioia grande: ecco il nostro Dio. Oggi è nato il nostro salvatore, Cristo Signore: questa è la nostra gioiosa certezza; anche se molti uomini portano ancora incise nella loro vita le parole di Isaia, nella notte profonda il nostro orecchio ha sentito: la stella del mattino si è levata, per noi è nato un bambino. «Di qui sgorga un messaggio di speranza in questo mondo che rischia di non sperare più; un fascio di luce in questo mondo che sembra sprofondare nelle tenebre; un elemento di novità in una società che talora ci appare decrepita. Un bambino che nasce è un destino nuovo che si apre, una speranza che si ridesta» (M. Magrassi).

 

 

Alla sacralità del natale, siamo abituati ad associare una immagine di festa: l’albero.

L’albero fu associato al Natale fin da tempi antichissimi e si pensa che questa tradizione derivi dai culti pagani praticati nell’Europa settentrionale nelle zone agricole.

I druidi, antichi sacerdoti dei Celti, notarono che gli abeti rimanevano sempre verdi anche durante l’inverno.

Per questo li considerarono un simbolo di lunga vita e cominciarono a onorarli nelle feste invernali.

In seguito, quando si cominciò a celebrare il Natale, l’abete ne divenne un simbolo e gradualmente la tradizione di decorarlo si estese dalla Germania a tutti gli altri paesi europei.

Inizialmente l’albero veniva decorato con ghirlande, cui si unirono nastri e frutti colorati, poi le candeline, fino a quando, verso la metà del 1800, alcuni fabbricanti svizzeri e tedeschi cominciarono a preparare leggere e variopinte palline di vetro soffiato, che sono oggi l’ornamento tradizionale dell’albero.

Poi arrivarono anche le lampadine e le decorazioni di plastica e oggi non c’è più limite alla fantasia!

Ma la festa, per noi, significa anche cimentarci con la realizzazione del presepe: quest’anno l’iniziativa dei “presepi in famiglia” ha visto la partecipazione della quasi totalità dei ragazzi e delle loro famiglie, come è possibile ammirare nell’atrio della scuola e nella pubblicazione sul sito della scuola stessa.

La gioia, dunque, abbiamo celebrato insieme e la gioia vogliamo continuare a celebrare durante le prossime festività natalizie.

A nome delle Suore, del Preside, del Corpo docente e del Personale tutto

Buon Natale e felice anno nuovo a tutti !